Molti sono i dubbi che sorgono quando si parla di donne incinte e strutture termali. Ecco alcuni punti guida realizzati dai professionisti di Bibione Thermae.

Le terme fanno bene anche alle donne in dolce attesa? E se sì, ci sono delle controindicazioni particolari? Spesso, a chi lavora in ambito termale, capita di confrontarsi con questo genere di quesiti. Rientra tra i compiti di Lemieterme.it anche quello di fare un po’ di chiarezza sugli aspetti principali della questione, con l’esplicita avvertenza che le informazioni qui raccolte rappresentano delle “linee guida” generali.

 

 

LE TERME FANNO BENE ALLE DONNE INCINTE?

Partiamo dunque dal nocciolo della questione, con la prima fondamentale domanda: le terme fanno bene anche alle donne in dolce attesa? La risposta è “dipende”. Anzitutto va sottolineato che nei primi tre mesi di gravidanza le terme non sarebbero consigliate: sappiamo infatti che i primi mesi sono i più delicati per il feto e, di conseguenza, la temperatura calda dell’acqua (soprattutto per le acque che raggiungono i 38°, 39° C) non è una condizione auspicabile.

 

GRAVIDANZE NON A RISCHIO: I BENEFICI

Discorso diverso per le gravidanze in stato avanzato e considerate non a rischio. Per queste, infatti, l’acqua termale ha un effetto rilassante, specialmente se la donna si dedica a brevi camminamenti a bordo piscina. Anche in questo caso è comunque consigliato non rimanere in acqua per più di 10-15 minuti alla volta, prestando sempre attenzione al fatto che le piscine termali siano costituite da acque con temperatura non superiore ai 35°, 36° C. Attenzione però a non andare negli idromassaggi, assolutamente sconsigliati.

L’acqua termale ha un’azione vasodilatatrice significativa, e dunque tende a far abbassare la pressione sanguigna: ciò fa senz’altro in modo che le donne incinte con la pressione alta ne siano favorevolmente interessate. L’acqua termale, inoltre, aiuta le donne in dolce attesa anche negli aspetti basilari della digestione. Per le loro caratteristiche e proprietà, infatti, le acque termali sono un eccellente rimedio alla stitichezza o alla ritenzione idrica. Su quest’ultimo aspetto, l’azione di maggior successo si riscontra quando l’acqua termale viene bevuta attraverso la terapia idropinica.

 

NIENTE SAUNE QUANDO SI È IN DOLCE ATTESA

Un’ultima considerazione riguarda l’uso o meno delle saune e, più in generale, delle aree wellness delle varie terme. Considerate le alte temperature di saune, bagni turchi, hammam, stanze del sale e quant’altro, è assolutamente sconsigliato alle donne incinte, anche in gravidanza senza rischi di sorta, frequentare queste particolari zone degli stabilimenti termali.

 

L’informazione riportata sul sito in nessun caso sostituisce la consulenza clinica fornita dal proprio medico di medicina generale o dallo specialista. Si consiglia sempre di consultare il proprio medico di medicina generale. Quanto riportato nel sito ha unicamente un valore informativo di carattere generale.