Per le malattie reumatiche vi è indicazione di terapie di tipo termale?

Risponde il dottor Giovanni Mazzanti – specialista in Reumatologia:

“Nella mia attività ambulatoriale e specialistica di reumatologia, spesso i pazienti mi chiedono se esiste un’indicazione di terapia di tipo termale. Confermo che per la gran parte delle malattie reumatiche vi è indicazione di terapie di tipo termale. Sia per le malattie degenerative come l’artrosi, che è la più comune delle malattie articolari perché l’acqua consente di ottenere un miorilassamento e vi è la possibilità di movimenti che a secco è impossibile ottenere. Sia per quanto riguarda i fanghi perché questi trovano indicazione nelle malattie degenerative artrosiche. Poi vi è la grande famiglia delle artriti. Anche nell’artrite c’è certamente spazio e giovamento dalle terapie termali. Questo è particolarmente vero nel momento in cui la malattia è in fase di remissione, non tanto in quella di acuzia. Il movimento e l’esercizio fisico in acqua termale a 32, 34 gradi sono raccomandati. Infine c’è un’altra patologia molto frequente, molto comune, che è davvero un grattacapo per i medici e un grosso problema e una grave invalidità per i pazienti ed è la fibromialgia. Una malattia che colpisce in genere le donne. Per la fibromialgia esiste e c’è la dimostrazione dell’utilità sia dell’idroterapia sia dei fanghi. Quindi la disponibilità di questo tipo di terapia è una risorsa da non lasciarsi sfuggire”.

Per saperne di più: https://bit.ly/2rS4bBU

 

L’informazione riportata sul sito in nessun caso sostituisce la consulenza clinica fornita dal proprio medico di medicina generale o dallo specialista. Si consiglia sempre di consultare il proprio medico di medicina generale. Quanto riportato nel sito ha unicamente un valore informativo di carattere generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − uno =